“Tutto ciò che viene dalla mia cucina è cresciuto nel cuore.”

(Paul Eluard)

sabato 2 luglio 2016

La mia pizza!!!

Buongiorno! Oggi pizzaaa!!! ^_^ Di ricette ce ne sono davvero tante, c'è a chi piace alta, a chi bassa, a chi morbida e a chi croccante, chi preferisce quella tonda cotta nel forno a legna e chi ama quella in teglia...insomma un mondo di consistenze, profumi e sapori. Ci sarebbe da fare tutto un discorso sulle farine e i lieviti, ma rimando l'argomento ad un altro post specifico, per questa volta andiamo sul semplice e parliamo della "mia" ricetta per la pizza, quella collaudata, fatta e rifatta e sempre apprezzata. In questo caso non useremo la biga né il lievito madre. Il problema grande che potreste trovarvi ad affrontare è la cottura, purtroppo non ci sono Santi davvero, all'inizio dovete imparare a conoscere il vostro forno. Io vi darò tempi e modi in base al mio forno (un fornetto elettrico con ventola), ma sappiate che non sono la regola, nel vostro forno potrebbe volerci il doppio del tempo, potrebbe esser necessario spostare la teglia durante la cottura e via dicendo...Quindi non vi scoraggiate se non vi riesce perfetta le prime volte, significa solo che dovete fare più tentativi, sperimentando, finché non capirete qual'è il metodo migliore di cottura nel vostro caso. Quante volte ho proposto con entusiasmo di preparare la mia pizza in altre cucine, ottenendo risultati davvero pessimi, rimanendoci malissimo, ciò capitava proprio perché il forno era completamente diverso dal mio. 


Ingredienti per 4 pizze tonde di 26 cm. di diametro, oppure per 2 pizze tonde da 30 cm.:
400 gr. di farina integrale, o di farro (se volete usare la farina bianca preferite la 0)
200 gr. di farina di semola di grano duro
1 cucchiaio di olio evo
1 cucchiaino di zucchero di canna integrale, o miele
1 bustina di lievito di birra secco, o 1 cubetto di lievito di birra fresco (se avete tempo, dimezzate la quantità di lievito e raddoppiate i tempi di lievitazione)
1 cucchiaio raso di sale fino
400 ml. circa di acqua a temperatura ambiente 

Per il condimento sbizzarritevi come più vi piace, nel mio caso, ho scelto di realizzare una pizza con le melanzane:
600 gr. di passata di pomodoro
sale
4 melanzane
olio evo e peperoncino q.b.
400 gr. di scamorza (se volete usare la mozzarella, preferite la treccia, perché più asciutta e ricordatevi di tagliarla e lasciarla scolare in uno scolapasta per un'oretta), o mozzarella vegana
basilico fresco

In una ciotola versate le farine e mescolatele, create al centro una fontana e mettetevi il lievito, lo zucchero e l'olio. Sistemate il sale in una casetta lateralmente, lontano dal lievito. Aiutandovi con un cucchiaio iniziate ad amalgamare la farina con l'acqua. Versatela poco alla volta e inglobate la farina partendo dal centro, in questo modo il sale non entrerà direttamente a contatto con il lievito. La quantità d'acqua varia in base alla capacità di assorbimento della farina, che a sua volta cambia in base alle condizioni ambientali, quindi regolatevi ad occhio, potrebbe volercene di più o di meno, il risultato comunque dovrebbe essere una pasta morbida ed elastica, facilmente maneggiabile. Una volta inglobata l'acqua, posate il cucchiaio e iniziate ad impastare a mano, lavorate la pasta per un bel po', finché non risulterà uniforme e liscia. Rimettetela nella ciotola e copritela bene con la pellicola. Mettetela in un luogo riparato da correnti d'aria, al caldo e lasciatela lievitare per 4 ore. Anche i tempi di lievitazione variano in base alla temperatura dell'ambiente e all'umidità, in estate la lievitazione è più veloce, in inverno più lenta, quindi regolatevi anche in base a questo fattore. Non fatela però lievitare mai meno di 3 ore, un impasto ben lievitato è l'elemento fondamentale per ottenere un buon risultato e renderla più digeribile. Evitate di aggiungere lievito per ridurre ulteriormente i tempi di cottura, perché otterrete un prodotto pesante e difficile da digerire.
Mentre la pasta lievita, preparate le melanzane. Lavatele e tagliatele a cubetti. Cuocetele in padella con un filo d'olio e uno spicchio d'aglio. Salate quanto basta e completate la cottura. Tagliate anche a cubetti la mozzarella.
Prendete quattro teglie da 26 cm. di diametro e ungetele con sottile strato di olio evo, aiutatevi con un tovagliolo di carta assorbente, in modo da assorbire l'eccesso. Con le mani unte, dividete con delicatezza la pasta in quattro parti e mettete ogni pezzo in una teglia, schiacciandolo delicatamente con la punta delle dita. Coprite con un canovaccio asciutto e lasciate riposare per un'altra oretta. Preriscaldate il forno al massimo della temperatura, intorno ai 220° C., impostate il ventilato se il vostro forno ha questa opzione. Trascorso il tempo, allargate i dischi di pasta con i polpastrelli, fino a riempire la teglia. Versate la salsa sulle pizze, aggiungete un pizzico di sale e con il dorso di un cucchiaio stendetela sulla superficie. Unite un filo di olio evo, del peperoncino se vi piace e i tocchetti di melanzane. Infornate una pizza alla volta, a meno che non abbiate la fortuna di avere un forno grande che possa contenere due teglie. Mettete la teglia nel ripiano più basso e lasciate cuocere per una decina di minuti, finché la base non è dorata. Spostatela poi nel ripiano di mezzo, aggiungendo la mozzarella e lasciatela cuocere per altri cinque minuti, finché la mozzarella non sarà sciolta e la cornice della pasta non si sia dorata. Ripeto, per il vostro forno potrebbe volerci più tempo, quindi regolatevi di conseguenza. Prima di gustarla, potreste anche spolverarla con del grana o del lievito alimentare. Aggiungete qualche profumata foglia di basilico e buon appetito! :)